Associazione

News

 

Piccoli Campioni

Clamoroso trionfo per i piccoli atleti della Nenryu ai Campionati Italiani di Kumite riservati alla categoria Ragazzi. La competizione, che ha visto la partecipazione di 407 atleti di 41 società provenienti da tutt'Italia, si è tenuta a Norcia il 17 e 18 novembre 2007.
Quasi 700 chilometri separano Verbania da Norcia, amena località umbra in provincia di Perugia e famosa soprattutto per i salumi ed il tartufo nero.
Solo cinque gli atleti della Nenryu partecipanti alla gara ma, con queste distanze, è sempre molto difficile per i genitori accompagnare i propri figli anche ad una competizione di tale valore.
La giornata di sabato era dedicata alle squadre ed agli atleti 6/8 anni e subito è arrivato un primo importante risultato: Alfio Sanfilippo ha vinto la medaglia d'argento nella categoria cinture bianche, sconfitto solo in finale da un atleta pugliese. Denise Rota, nella categoria cinture Bianche/Gialle femminili ha perso il primo incontro ma, dopo due ottime e vittoriose prestazioni, ha vinto la medaglia d'oro nella Coppa Italia che equivale ad un 5° posto nel Campionato Italiano. Ma è stata di Thomas Milone la sorpresa più grande della giornata: in una categoria di 14 atleti e con partecipanti di grado superiore la cintura verde Thomas si è imposto con autorità su tutti i concorrenti vincendo la medaglia d'oro dopo aver sconfitto in finale per 4 a 1 un forte atleta della regione Campania. L'euforia del papà Corrado ha fatto da cornice al trionfo del piccolo Thomas.
La domenica è stata riservata alle categorie di età superiore. Niente da fare per Alessandro Milone, fratello maggiore di Thomas, che nella categoria 9/11 anni Arancioni/Verdi kg.-40 ha perso di misura contro un forte atleta campano poi vincitore della Coppa Italia. Grande prestazione invece da parte di Chiara Rota che nella categoria 12/14 anni cinture Bianche/Gialle si è imposta con autorità vincendo la medaglia d'oro. Un successo reso ancora più importante dalla presenza in gara di due forti ed esperte gemelle di Salerno e dalle poche sedute di allenamento che Chiara ha potuto sostenere negli ultimi mesi. Ma la giovane italo-spagnola, figlia di Katy Bravo, è sicuramente uno dei talenti emergenti nel panorama del Karate nazionale e, se saprà essere costante negli allenamenti e nel rendimento, sentiremo sicuramente parlare ancora di lei.
Grande soddisfazione per il direttore tecnico Sean Henke che si è avvalso nell'occasione della collaborazione di Katy Bravo in qualità di coach.

Nella foto Katy Bravo con Alfio Sanfilippo prima dell'incontro di finale









Visualizza Foto

 

Torna alla Home Page.

 


Home Page Home Page