Associazione

News

 

11° Grand Prix d'Italia

Ancora successi per gli atleti della Nenryu al Grand Prix d’Italia, gara internazionale giunta alla sua 11° edizione. La competizione, riservata a tutte le categorie di età e cintura, ha visto nella splendida cornice del Palasport di Desio la partecipazione di quasi 1500 atleti provenienti non solo dalle regioni italiane ma anche dalla Svizzera, Francia, Irlanda, Ucraina, Slovenia, Egitto, India e Ghana.
Sabato 28 marzo si è tenuta la gara per i ragazzi da 6 a 14 anni e la Nenryu ha ottenuto 4 medaglie d’oro, 5 medaglie d’argento ed una medaglia di bronzo. Il primo podio è arrivato dalla squadra di Kata 9/11 anni cinture Blu/Marroni/Nere. Assente Alessandro Pojaga per una fastidiosa tallonite è stata la squadra composta da Daniele Callea, Nicola Del Sordo ed Alessandro Milone a partecipare nella categoria; secondo posto con il rammarico di un’esecuzione non impeccabile.
Ottima invece la gara nell’individuale di Kata. Christian Boni si aggiudica il titolo davanti al compagno di squadra Alfio Sanfilippo nella categoria 9/11 anni cinture Blu/Marroni. Il successo dei due forti atleti della Nenryu non è mai stato in discussione anche di fronte alla partecipazione di altri 24 atleti. Nella semifinale, entrambi con il kata Empi, sono già davanti a tutti ma è soprattutto in finale che ricevono i complimenti di molti maestri ed arbitri presenti all’avvenimento. Christian è primo con il kata Sochin ed Alfio secondo con il kata Kanku Sho. Sorpresa nella categoria 9/11 anni cinture Nere: Alessandro Milone, con il kata Sochin, si aggiudica il titolo davanti al compagno di squadra e campione italiano Daniele Callea, terzo il fratello Thomas Milone e quarto la neo-cintura nera Nicola Del Sordo. Emanuele Pellegrini non va oltre la semifinale nella categoria 9/11 anni cinture Bianche/Gialle mentre Vladislav Yuriy arriva in finale ma è lontano dal podio nella categoria 9/11 anni cinture Arancioni/Verdi.
Nel Kumite a squadre prova incolore della Nenryu che perde al primo incontro con la forte rappresentativa Cs Ruini di Firenze che si aggiudicherà poi il titolo. Il riscatto avviene subito nell’individuale con Alessandro Milone che sale sul gradino più alto del podio nella categoria 9/11 anni cinture Blu/Marroni/Nere kg. +45. Per Alessandro, con due medaglie d’oro, sarà una giornata sicuramente da ricordare. Alfio Sanfilippo si prende la rivincita nella categoria 9/11 anni cinture Blu/Marroni/Nere kg. -45; vince con autorevolezza tutti gli incontri ed in finale trova il compagno di squadra Christian Boni. Questa volta è Alfio a prevalere su Christian.
Poco fortunato Thomas Milone che al primo incontro perde per squalifica. Ottima invece la prova del piccolo Vladislav Yuriy che nella categoria 9/11 anni cinture Arancioni/Verdi arriva in finale e conquista la medaglia d’argento.
Un solo atleta della Nenryu presente in gara domenica 29 marzo, la giornata dedicata alle categorie cadetti, Juniores e Seniores. Gianluigi Sanfilippo ottiene un pregevole terzo posto nella categoria Kumite Seniores Kg. -70. Per l’atleta della Squadra Nazionale un altro piazzamento di rilievo.
Alla fine la Nenryu ottiene il terzo posto assoluto nella classifica società su quasi 100 associazioni partecipanti.
Si sono fatti onore anche gli atleti della Bushido Cannobio, anche loro accompagnati dal Maestro Sean Henke. Nessuna medaglia è arrivata questa volta nel Kata mentre nel Kumite il secondo e terzo posto conquistati rispettivamente dal Luigi Raineri e Federico Bianchi nella categoria 6/8 anni cinture Bianche/Gialle/Arancioni ed il terzo posto di Daniele Loddo nella categoria 9/11 anni cinture Arancioni/Verdi sono sicuramente risultati importanti che fanno bene sperare per il futuro. Per la Bushido hanno partecipato alla gara anche Giuseppe Fragale e i fratelli Daniel e Melissa Sblendorio.





 

Torna alla Home Page.

 


Home Page Home Page